La parte medievale di Treviso

Piazza dei signori

La piazza dei signori é la piazza più importante di Treviso e si trova nel centro della città. Si chiama così perché ci sono palazzi dell'antica signoria trevigiana

La loggia dei cavalieri

La loggia dei cavalieri fu realizzata nella seconda parte del 1200. In questo edificio si incontravano esclusivamente i nobili per giocare a giochi di società.

La storia di treviso

Treviso faceva parte dell'impero romano quindi la decadenza dell’impero romano coinvolse anche Treviso. Benché risparmiata da Attila, la città fu contesa tra Goti e Bizantini, poi fu contesa tra i Longobardi e i Franchi. Sotto i Longobardi, Treviso fu sede di uno dei 36 ducati del regno e dotata di un'importante zecca, che restò in vita fino al Trecento. Verso il 911 la città fu saccheggiata dagli Ungheri.

Dopo un periodo turbolento Treviso si sviluppò grandemente, s’ingrandì e si arricchì di magnifiche case affrescate. Il vivere trevigiano divenne sinonimo di vita gaudente e la città si animava di feste e celebrazioni, che richiamavano fra le sue mura genti da tutta Italia.La città crebbe ulteriormente in ricchezza e fasto per tutto il XII e XIII secolo dotandosi di una delle prime Università (1321) d'Europa e contendendo alle limitrofe Padova e Verona il ruolo di città principe di quella che, al tempo, veniva chiamata Marca Trivigiana intendendo per tale buona parte dell'attuale Veneto.
Nel XIII secolo, anche Treviso visse la crisi del comune e l’affermarsi del governo signorile. I primi ad impossessarsi di Treviso furono gli Ezzelini. Discendenti da stirpe tedesca, i fratelli Ezzelino III da Romano ed Alberico da Romano dominarono con ferocia il territorio, tra il 1237 ed il 1260. Treviso fu poi teatro di lotte intestine tra la fazione dei Guelfi, filo papale, e quella dei Ghibellini, che sosteneva un riavvicinamento all'Impero. Nel 1283, il capitano dei guelfi, Gherardo da Camino, divenne signore della città e la governò saggiamente. La città ebbe una decisa ripresa economica e culturale, ma la nuova ricchezza espose Treviso e le città satelliti (Castelfranco Veneto, Cittadella, Conegliano) agli appetiti delle potenti signorie vicine, specie a quelle dei Carraresi e degli Scaligeri. Nel Trecento, dominata dai Collalto e dai Da Camino, la Marca fu coinvolta in guerre e saccheggi: fu occupata dagli Scaligeri nel decennio 1329-1339. La lotta per il dominio su Treviso si placò per breve tempo nel 1339 quando, con la dedicazione a Venezia, la città divenne il primo possedimento in terraferma della Serenissima.

Comment Stream