Annunciazione di Ascoli

Carlo Crivelli: 1486

Nonostante il tema religioso, dall'opera traspare una naturale quotidianità, evidenziata dal particolare dei piccioni, delle persone che discorrono in lontananza, oltre l'arco di stile classico e degli arredi della casa della Madonna. Il tono sacro è tuttavia ristabilito dalla presenza del pavone, appollaiato su una terrazza, nonché della nuvola da cui emerge un fascio di luce che si dirige ad accarezzare il volto della Vergine. Infine si può notare la sovrabbondanza di decorazioni architettoniche e delle vesti degli angeli: questo stile, benché brillantemente camuffato, è sicuramente di origine squarcionesca.