Scultura Gotica

Francese

Le foto mostrano il portale della cattedrale di Reims, un particolare della scena dell'annunciazione ed uno della visitazione.

La scultura gotica francese raggiunse il suo apogeo tra il 1150 e il 1250. L'esempio più significativo è costituito dal portale della cattedrale di Reims, risalente al 1250 ca., in cui è evidente il ritorno a rappresentazioni corporee, espressioni facciali e fisionomie autonome paragonabili all'arte romana. Il portale è costituito da due differenti scene: l'annunciazione, più gotica, e la visitazione, le cui figure ed i panneggi sono più legati all'arte classica, in particolar modo la vergine somigliante ad una matrona romana.

Tedesca

La scultura gotica tedesca raggiunge il suo apice nelle statue conservate all'interno del duomo di Naumburg, piccola cittadina della Sassonia. Lo scultore anonimo raffigura i feudatari locali con le rispettive mogli. Proprio l'espressività del volto di queste ultime differenzia tali opere, rendendole più vicine al Rinascimento che al Romanico. Le due statue più note raffigurano Ekkehard e Utah. L'uomo è giovane e grassoccio, ma conscio del suo potere. La donna, invece, è riservata ed alquanto scostante.