Modulo 3
Competenze e 21st Century Skills

Focus del modulo

  • Cosa sono le 21st Century Skills?
  • Che differenza c'è rispetto alle competenze?
  • Come deve rifocalizzarsi la didattica tradizionale in vista delle une e delle altre?
  • Introduzione al Modulo 3

    Problem Posing: le sfide del mondo del XXI sec.

    Un video semplice ma efficace riesce bene, in cinque minuti, a spiegare i cambiamenti esponenziali che stiamo vivendo nel mondo di oggi, cambiamenti di cui forse non tutti siamo ben consapevoli.

    La questione è stata anche affrontata da Paolo Mastrolilli sulla Stampa del 7 gennaio 2015.
    I cambiamenti del mondo in cui viviamo dovrebbero portare a una rivoluzione nel modo di educare a scuola, come auspica questo breve video in poco meno di quattro minuti.

    Discussione

    Vale la pena, prima di addentrarci nel vivo dei lavori del modulo 3, discutere un attimo sui temi toccati da questi due inquietanti video (almeno nella nostra prospettiva di "immigrati digitali").

    • Cosa ne pensi degli scenari futuri tratteggiati da questi due video?
    • Qual è la tua reazione come insegnante di fonte a questi dati di fatto?
    • Come pensi che si debba cambiare il modo di fare scuola, visti questi scenari del futuro prossimo?

    Confrontiamoci su queste domande su Padlet.

    Dopo la pubblicazione del DM 139 del 22 agosto 2007 sul nuovo obbligo scolastico, la questione della didattica per competenze è diventata una specie di tormentone per i docenti, le scuole e le case editrici. Convegni, corsi, pubblicazioni si sono moltiplicati nel corso degli anni, senza che si addivenisse a conclusioni condivise su scala più ampia (ad eccezione della Regione Veneto) a livello soprattutto pratico-operativo, più che non teorico.
    La questione della didattica per competenze sembrava fosse passata un po' "in cavalleria", spodestata dagli "onori della cronaca" da un altro tormentone (le prove INVALSI), fino al novembre 2014, allorché l'European Schoolnet Academy e KeyCoNet hanno rimesso al centro la "palla" delle competenze nel breve corso on-line Competences for 21st Century Schools.
    Per questo motivo propongo nel nostro Laboratorio di progettazione il percorso di ricerca-azione da me svolto a partire dal febbraio 2010, percorso iniziato seguendo un breve corso con il  prof. Comoglio presso il Ce.Se.Di., e approdato nel Chapter che ho pubblicato nel gennaio 2013 presso IGI Global in due ricchissimi volumi miscellanei.

    La programmazione formativa orientata alle competenze

    L'app consigliata: Google Drive

    Per agevolare la didattica laboratoriale non solo in una classe 2.0, ma anche per tutte le diverse esigenze di ciascuno, Google mette a disposizione un ricco set di utilities a cui si accede attivando il proprio Drive on-line
    Come fare per utilizzare queste risorse è spiegato in questo tutorial.

    Gli approfondimenti

    La presentazione, per chi volesse leggerla meglio, è scaricabile qui. L'handout, la dispensa che accompagna la video-presentazione, con tutti i documenti commentati, è scaricabile qui.
    Sulla didattica per competenze molto è stato scritto. Qualche materiale l'ho raccolto sul sito di Alberoventi, il progetto di ricerca universitario della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Torino, in un'apposita pagina, nella quale è possibile trovare alcune presentazioni in Power Point, tre videoconferenze di Lucio Guasti, e un dossier di articoli di Mario Castoldi usciti sulla rivista L'Educatore.
    La casa editrice Loescher, sul proprio portale dedicato alle didattica competenze, ha di recente edito quattro quaderni di percorsi per competenze curati da Federico Batini (Università di Perugia):

    1. Parlo, leggo, scrivo
    2. Quando, dove, perché
    3. Analizzo, interpreto, risolvo
    4. Osservo, ipotizzo, comprendo.

    Sul tema delle disposizioni della mente, invece, dopo la pubblicazione del volume di Arthur L. Costa e Bena Kallick, Le disposizioni della mente. Come educarle insegnando (LAS, Roma 2007) in ambito scolastico il dibattito non è "decollato" con la stessa ricchezza. La presentazione cui si accenna nella video-presentazione è scaricabile qui.

    Negli Stati Uniti, invece, le 21st century skills costituiscono esattamente il cuore della mission della Partnership for 21st Century Skills fondata nel 2002, come spiega questo Framework.

    In ambito europeo, le soft skills sono il focus dell'azione formativa dell'European University College Association, come documenta il volume di Maria Cinque, Soft Skills in Action. Halls of Residence as Centres for Life and Learning (EucA, Brussels 2012), gratuitamente scaricabile qui. Quale straordinaria ricchezza epistemologica e quale vastità di orizzonti sia conchiusa nella pedagogia delle soft skills lo spiega il recente volume di Cristiano Ciappei e Maria Cinque, Soft Skills per il governo dell'agire. La saggezza e le competenze prassico-pragmatiche (Franco Angeli, Milano 2014), del quale si può leggere qui un'anteprima.

    Questionario finale

    L'exit ticket del Modulo 3 è un questionario di dodici domande, più una per un feedback valutativo. Il questionario vuol essere solamente un piccolo aiuto a fissare i concetti essenziali del modulo.
    Sul modello dei corsi dell'European Schoolnet Academy, il passing rate è il 70 % di risposte esatte. Il test può essere ripetuto fino a un massimo di tre volte.