Il Brasile

Foresta Amazzonica

Perché la foresta amazzonica è così importante?

Con i suoi 6,5 milioni di chilometri quadrati, è la foresta più grande del pianeta.
Si estende su un territorio immenso, tra Brasile, Bolivia, Colombia, Ecuador, Guyana, Guyana Francese, Perù, Venezuela e Suriname. Se si escludono i ghiacciai, l’Amazzonia è la più grande riserva idrica del mondo (Contenente il 20% di acqua dolce del pianeta). Questa ricchezza non è soltanto riposta nel Rio delle Amazzoni, nel Rio Negro e negli altri numerosi fiumi e canali che la solcano, ma anche nelle falde acquifere.
L’Amazzonia è poi la regione in cui sopravvive il maggior numero di specie animali e vegetali, di organismi e microorganismi: quindi un vero e proprio archivio vivente della biodiversità. Praticamente, l’Amazzonia è l’ultima parte di ecosistema perfetto rimasto sulla Terra.

Qual'è il grande pericolo per la foresta amazzonica?

L’immenso patrimonio di verde, acqua e vita dell’Amazzonia rischia di essere compromesso dalla deforestazione: 20.000 chilometri quadrati di foresta vengono distrutti ogni anno per ottenere legname, costruire strade, ottenere terre da coltivare e soprattutto pascoli per allevare bestiame. In passato la foresta era in pericolo per via dello sfruttamento degli alberi della gomma, oggi il pericolo si chiama piuttosto “Richiesta di legname”, “Terra per il bestiame”, “Coltivazioni di soia”, purtroppo anche soia transgenica.

Rischi della deforestazione

I principali rischi della deforestazione sono la diminuzione della biodiversità, ma soprattutto incremento del livello di anidride carbonica nell’atmosfera (con accelerazione del surriscaldamento) e ridotta ossigenazione del pianeta.

Con la scomparsa della foresta in Amazzonia il respiro del mondo si fa più difficile...

Cosa può fare l'uomo?

È importante che l’uomo smetta di modificarne l’equilibrio originario e di sfruttarne le risorse in maniera indiscriminata. Per rimboscare un ettaro di foresta occorrono circa 2000 euro, la stessa cifra è il guadagno netto che si ottiene vendendo un ettaro di alberi. Quindi tornare indietro costa tanto, e per riparare ai danni già fatti bisogna affrettarsi. Ambientalismo, sovvenzioni ed edecoturismo possono fare la loro parte ed essere degli strumenti virtuosi per preservarla.

Cosa ha fatto invece il Brasile?

Il parlamento brasiliano ha appena approvato una legge che da ai contadini ed ai taglialegna la delibera per abbattere aree sterminate di Foresta Amazzonica.

Comment Stream