Opinioni su Giotto

Dante

... Credette Cimabue nella pintura tener lo campo, e ora ha Giotto il grido, si che la fama di colui è scura. Purgatorio, XI 94-7

Giorgio Vasari e Benvenuto da Imola sostengono che fra Giotto e Dante ci fosse un rapporto di amicizia. Anche se ciò non fosse vero, è innegabile che Giotto sia rimasto colpito dalle spietate pene, inflitte ai dannati da Dante, nella Divina Commedia. Infatti, nella rappresentazione del giudizio universale, egli raffigura punizioni tanto atroci da richiamare quelle descritte dal poeta.

Boccaccio

"Giotto ebbe uno ingegno di tanta eccellenza, che niuna cosa dà la natura, madre di tutte le cose ed operatrice col continuo girar de’ cieli, che egli con lo stile e con la penna o col pennello non dipingesse sì simile a quella, che non simile, anzi più tosto dessa paresse. E per ciò, avendo egli quella arte ritornata in luce, che molti secoli era stata sepulta, meritatamente una delle luci della fiorentina gloria dirsi puote." Giovanni Boccaccio, Decameron

Boccaccio fu uno dei primi ad elogiare l'arte del pittore e a riconoscere in essa un richiamo all'arte antica.

Cennino Cennini

"Rimutò l'arte del dipingere di greco in latino, e ridusse al moderno; et ebbe l'arte più compiuta ch'avesse mai più nessuno." Cennino Cennini Il libro dell'arte 1398 circa