Il Progetto

Il progetto consiste nel realizzare interviste con personaggi famosi (ad esempio autori della letteratura) di modo da esplicitarne i tratti stilistici salienti od altri aspetti ritenuti significativi.

Uno spunto: le interviste di Manganelli

Per far comprendere ai ragazzi la struttura e l'approccio ad una intervista possibile, può essere utile far ascoltare alcune celebri interviste (rigorosamente "impossibili" di Giorgio Manganelli).

Le interviste impossibili è il titolo di un programma della seconda rete radiofonica Rai, in onda dal 1973 al 1975, in cui uomini di cultura contemporanei reali fingono di trovarsi a intervistare 82 fantasmi redivivi di persone appartenenti a un'altra epoca, impossibili da incontrare nella realtà, da qui il titolo. Valentino Bompiani ne pubblicò una scelta in due volumi nel 1975[1]. La RAI ne fece successivamente delle repliche.

Intervista Impossibile a Dickens (Carmelo Bene)

Intervista a Charles Dickens su
"Grandi Speranze"

L'obiettivo della intervista consiste nel:

- Far emergere i punti che caratterizzano l'opera come Romanzo di Formazione

- Evidenziare gli aspetti autobiografici dell'opera

- Discutere la possibilità che Estella sia una sorta di alter ego di Pip

- Riflettere sul rapporto "amore-speranza" presente nel romanzo

- Avanzare l'ipotesi che l'opera sia anche una grande riflessione sull' "abbandono"

Indicazioni Operative

Per ogni aspetto della intervista/domanda è opportuno citare il passo dell'opera che giustifichi le parole (immaginate) di Dickens.

Prodotto finale

Il prodotto finale può essere un file video, audio o testo.