Arco di Riccardo

L'Arco venne costruito nel 33 a.C. da Ottaviano Augusto e si tratta probabilmente di una porta della cinta muraria dell'antica Tergeste. Secondo altre ipotesi era l'ingresso dell'area sacra dedicata alla Magna Mater.  

Presenta un solo fornice con un'altezza all'intradosso di 7,2 metri ed una larghezza di 5,3. I conci sono in pietra d'Aurisina ornata, che poggiano su pilastri con lesene scanalate corinzie (ordine ricorrente negli archi trionfali). Il sottarco è invece a motivi amorfi. La base si trova sotto il livello della strada odierna ed è visibile un solo piedritto, dal momento che l'altro è inglobato in un edificio.

Riguardo alla denominazione, essa è fatta risalire  secondo alcune leggende al re Riccardo Cuor di Leone, che di ritorno dalle crociate sarebbe stato tenuto prigioniero a Trieste, secondo altre all'imperatore Carlo Magno. Secondo alcuni studiosi essa potrebbe essere il frutto di una deformazione di 'cardo', la strada orientata da nord a sud tipica delle città romane o una magistrature di epoca medievale.