dalla Chiesa di Sant'Agostino a Renicci
ANGHIARI CITTÀ D'ARTE
il borgo più bello d'Italia

Anghiari è un comune di 5800 abitanti della provincia di Arezzo,in Toscana. Nel suo borgo storico vivono circa 1500 abitanti. Il borgo di Anghiari è incastonato su una collina di ghiaia accumulatosi nel corso dei secoli per il passaggio del fiume Tevere,che fino alla metà del 1200 scorreva ai piedi della città.                                                                          

Una delle peculiarità del paese è il turismo che si accentua dei mesi estivi ma non manca tutto l'anno. Il momento più noto della storia di Anghiari è la Battaglia di Angiari ovvero lo scontro tra fiorentini e stato pontificio contro l'attacco milanese del 29 giugno  1440,che si concluse con la vittoria dei fiorentini.

Anghiari è il borgo più bello d'Italia,perché da qui si vede il paesaggio della Battaglia di Anghiari dipinta da Leonardo Da Vinci. Il grande pittore iniziò una pittura murale raffigurante la battaglia però,a causa della sua nuova tecnica,i colori non si asciugarono e colando sull'opera la distrussero,tanto che il pittore dipinse sopra un altra opera.Un'altra bellissima caratteristica di Anghiari è la sua posizione  tra Toscana e Umbria,perciò è presente sia il dolce,tipico paesaggio che i boschi dell'Umbria.

Anghiari fino a poco tempo fa aveva delle origini medievali poi,un paio di anni fa,da delle scoperte,si è capito che è di origine etrusca a causa del nome Val Tiberina e Tevere,che erano di origine romane.

Il paese è famoso per varie attività,per esempio il restauro del mobile,la tessitura e il tombolo.è presente un liceo artistico dove si lavora il legno e dove è nata una scuola di liuteria. L'altra attività diffusa per Anghiari è la tessitura. I francesi,quando invasero il paese,costruirono un laboratorio che aveva come fine la realizzazione di coperte e divise per il proprio esercito.Questa attività è portata avanti,con successo,fin dall'ora dalla famiglia Busatti.

Le manifestazioni più rappresentative sono"Tovaglia a quadri"ovvero una serata con cena e spettacolo a tema e"I cento gusti dell'appennino"una mostra in cui delle piccole aziende e/o botteghe locali offrono assaggi e degustazioni ai turisti e il 29 giugno di ogni anno il Palio della Vittoria. Questa festività ha inizio al calare del sole,quando i partecipanti corrono ben 1400 metri in salita dalla Cappella della Vittoria fino a Piazza Baldaccio, la piazza centrale di Anghiari. Ogni comune della Val Tiberina schiera il proprio concorrente che gareggia per la propria città. La gara è preceduta da un corteo storico formato da persone vestite con abiti medievali.

la chiesa di sant'Agostino(luogo meno noto)

Anghiari è legata al culto di S.Agostino,grazie all'omonima chiesa situata in pieno centro storico e che fa bella mostra di se in via Garibaldi e che con l'abside e il campanile delinea un tratto caratteristico delle mura paesane. La chiesa fu edificata attorno al tredicesimo secolo dalla comunità di Sant'Agostino anche se la soluzione architettonica che oggi possiamo ammirare è opera di un intervento avvenuto attorno al 14000. L'interno ha le caratteristiche di una chiesa molto piccola,presenta decorazioni e stucchi della seconda metà del diciottesimo secolo assieme a vari dipinti di artisti locali.

i campi di internamento(luogo noto)

Renicci è una località nella frazione Motina,nel comune di Anghiari,che fu sede del campo di internamento fascista e badogliano destinato alla reclusione dei civili iugoslavi. si stima che in 11 mesi di attività il campo abbia ospitato oltre 10000 prigionieri,molti dei quali persero la vita a causa delle proibitive condizioni di detenzione.

dopo decenni di oblio,recentemente all'interno del'area del campo di concentramento di Renicci è stato realizzato un Parco della Memoria che ospita ogni anno le celebrazioni legate alla giornata della memoria

documentazione tecnica

Per il reportage son ostati utilizzati i seguenti strumenti:

- I phone 5s

-samsung Galaxy S5

-computer sony vaio 2013

documentazione del processo/esperienza

il gruppo,formato da,Cecilia,Lucrezia e Lucrezia si è incontrato in totale 4 volte:

-sabato 14 febbraio dalle ore 15:00 alle ore 16:30(incontro preliminare)

-domenica 15 febbraio dalle ore 15:00 alle ore 17:00 REPORTAGE(foto)

-lunedì 16 febbraio dalle ore 16:30 alle ore 19:30(incontro per la sistemazione del materiale)

-martedì 17 dalle ore 18:00 alle ore 19:00(rilettura)

RUOLI:

-Lucrezia ha realizzato le fotografie

-Lucrezia ha curato i testi, la messa online e la titolazione

-Cecilia ha reperito i materiali preparatori e ha scritto i testi

Comment Stream

2 years ago
0

Il reportage è interessante. Molto simpatica la sicurezza con cui affermate “Anghiari è il borgo più bello d’Italia”, dà personalità al vostro reportage! Il testo complessivamente risente molto del taglio da “guida turistica”, il che vuol dire che dipende molto dalle fonti che avete consultato e molto meno dalla vostra fantasia, in questo senso c’è da migliorare. Le foto sono ben fatte ma attenzione: non sempre ritraggono i contenuti di cui parlate (ad esempio in riferimento al restauro del mobile e tessitura). Sempre in riferimento alle foto considerate che la tecnica dello scatto “obliquo” va centellinata con molta parsimonia, non solo perché altrimenti si inflaziona l’effetto, ma anche perché tale scelta deve avere un senso nel contesto in cui è inserita, altrimenti affatica inutilmente il lettore. La documentazione tecnica è nel complesso precisa (tranne per la vaghezza della dicitura “sony vaio 2013”). In ogni caso come primo “esperimento” è assolutamente positivo.
**Valutazione finale**
Correttezza formale: 4/5
Originalità del taglio: 3/5
Accuratezza materiale multimediale: 4/5
Esattezza documentazione e rispetto consegne: 3/5
Totale 14/20 (7)