REPORTAGE:fiera di San Florido

tradizioni e sapori tipici della Valtiberina.

Le fiere di San Florido, insieme a quelle di San Bartolomeo, hanno un'origine antichissima: queste ultime venivano dette "floridiane", si svolgevano in agosto e comprendevano palii, giostre, tornei e giochi popolari, mentre quelle di San Florido avevano una connotazione per lo più religiosa. Nel 1576 le Fiere di San Bartolomeo vengono spostate al mese di novembre nel giorno della festa di San Florido riducendo la durata da sei a tre giorni, ma senza perdere importanza e popolarità. Nel 1934, in concomitanza con le Fiere di San Florido, venne istituita una mostra del mulo che nel 1969 si trasformerà in Mostra Nazionale del Cavallo, iniziativa che ancora oggi, è una delle più importanti del settore a livello nazionale. Alle fiere di San Florido, alle quali partecipano oltre trecento espositori, vengono presentati anche prodotti dell'artigianato e della gastronomia tipica del territorio. Quest'anno le fiere si sono tenute dal 14 al 16 novembre cioè da venerdì alla domenica. Il 13, il giorno del patrono, si è tenuto il mercato settimanale. Dal l'abbigliamento ai prodotti alimentari, dall'artigianato agli animali, passando per gli articoli casalinghi e quelli di cartoleria. Quest'anno, per l'edizione 2014, sono 421 gli operai accreditati. Tra le novità, due "isole gastronomiche" che si sono tenuta in piazza Fanti e in piazza Costa. Le fiere sono tenute lungo tutto il centro storico  (compreso Corso Vittorio Emanuele) e lungo la circonvallazione della città. L'amministrazione comunale si è impegnata con un volantino a ricordare ai visitatori di non acquistare merce contraffatta, pena una sanzione pecuniaria da 100 fino a 7000 euro. Circa 500 i prodotti contraffati sequestrati, diversi venditori segnalati alla locale Procura della Repubblica ed un cliente sanzionato per aver acquistato merce contraffatta. Questo è stato il bilancio dei controlli svolti dalla Guardia di Fiananza di Città di Castello nei giorni della tradizionale "Fiera di San Florido". La lotta all'industria del falso ed ai prodotti contraffatti si colloca tra i principali obiettivi del Corpo ed è finalizzata alla tutela della sicurezza dei mercati. Il pronto intervento dei militari in uniforme lungo il tragitto delle fiere di San Florido ha garantito efficacemente il controllo della merce.

Come ogni anno, a Città di Castello si sono tenute le fiere in occasione del Santo patrono della Città, San Florido, che è il 13 novembre. Fu vescovo della città dal 550 al 599 e avrebbe operato il suo "primo miracolo" nei pressi di Pantalla, secondo l'agiografia. Ad egli si attribuisce la ricostruzione di Città di Castello dopo la distruzione operata da Tòtila, mentre secondo alcuni studiosi, avrebbe partecipato sollo alla ricostruzione della cattedrale.

Fino a domenica il centro storico e la zona che segue la cinta muraria è stato invaso da oltre 200 bancarelle rappresentative di diverse categorie merceologiche.

Domenica 16 novembre in piazza Garibaldi, oltre alle fiere di san Florido, si è tenuto il mercatino dell'antiquariato con bancarelle di libri dell'usato e oggetti risalenti a qualche decenni fa, che sono di diverso valore.

Vi sono stati anche dei risvolti negativi; infatti i numerosi venditori ambulanti  non erano in regola con il fisco  quindi ci sono state molte liti ed incomprensioni tra carabinieri, guardia di finanza e venditori ambulanti. Domenica 16 novembre alle ore 13 è scoppiata una bombola di gas nei pressi di San Giacomo, nella bancarella di una venditrice ambulante di crepes che ha provocato sei feriti e ha rotto i vetri dell'entrata principale della trattoria sita nel rione del centro storico. In più, sabato sera sono state rubate delle auto nel parcheggio del McDonald's per fare scorribande. Nei pressi del quartiere tifernate delle graticole alcune auto si sono rincorse tutta la notte.

Escursione speziale nei sapori tradizionali delle erbe tipiche valtiberine. Sono prodotte artigianalmente

Esposizione di prodotti da Norcia,varietà di formaggi e salumi

Mostra e dimostrazione di oggetti e apparecchi culinari

La seguente è un'immagine relativa alla piazza Matteotti di Città di Castello dove sono stati allestiti alcuni stand e bancarelle.

Questa è una foto ripresa da Internet (Google Immagini) che è stata scattata nel duomo di Città di Castello, situato in piazza Gabriotti, che è per l'appunto la chiesa più famosa ed importante della città dedicata al Santo Patrono di Città di Castello: San Florido

Questo lavoro è stato compiuto a cura di Matteo Nocentini, Chiara Bartolucci, Lorenzo Francini, Lisa Canuti ed Eleonora Brizzi.

Gli strumenti utilizzati sono stati la fotocamera di un cellulare Samsung Galaxy S2 ed un computer portatile della marca "Acer". Le fonti delle informazioni utilizzate sono state Google Immagini e Wikipedia.