LA GERMANIA

Storia, economia, ambiente

Posizione

La Germania, Repubblica federale tedesca, è situata nel cuore dell’Europa. Confina a ovest con Francia, Lussemburgo, Belgio e Paesi Bassi. A nord è bagnata dal Mare del Nord e dal Mar Baltico separati da un territorio confinante con la Danimarca. A est confina con Polonia e Repubblica Ceca; a sud con Austria, Liechtenstein e Svizzera.

La storia

Il territorio dell’attuale Germania era occupato in origine da popolazioni che i romani chiamavano germani. A partire dal VI secolo, i franchi si imposero sulle altre tribù, dando vita, con CarloMagno (800), a un impero feudale che si estendeva sui territori attualmente occupati da Francia, Germania e Italia del nord. Alla morte di Carlo Magno (814), il suo impero passò sotto il controllo di Ludovico detto il Germanico. Verso la metà del X secolo, i duchi di Sassonia ne riunificarono il territorio. Per estendere il proprio potere, gli imperatori entrarono in conflitto con la Chiesa (lotta per le investiture) e, a partire dal XII secolo, con i liberi comuni dell’Italia settentrionale. Ma, nonostante gli sforzi, né Federico Barbarossa (XII secolo), né il nipote Federico II (XIII secolo) riuscirono a piegare i comuni. Ciò portò al consolidamento della monarchia e alla Bolla d’Oro del 1356, che sanciva il carattere elettivo della carica imperiale (attraverso il voto di sette principi elettori). Dal 1458, pur rimando elettivo, il titolo imperiale fu sempre attribuito a esponenti della famiglia degli Asburgo. Il XVI secolo vide il fallimento della restaurazione imperiale di Carlo V, che intendeva ricostituire un impero di portata europea, e la parallela rapida diffusione della riforma protestante avviata da Martin Lutero. Lo scontro fra cattolici e protestanti portò alla Guerra dei Trent’anni (1618-1648) che portò saccheggi, epidemie, crisi economica e la frammentazione  del regno in 39 piccoli stati , fra cui si distinse la Prussia.

Dopo la definitiva sconfitta di Napoleone (1815), il cancelliere Bismarck prima e il re Guglielmo II poi promossero l'industrializzazione del paese che culmino nel II Reich. Nel XIX secolo la Germania divenne la prima potenza industriale del mondo e iniziò a praticare una politica coloniale (in particolare in Africa), creando attriti con Francia e Inghilterra che culminarono nella I guerra mondiale. La sconfitta subita dalla Germania creò grande malcontento e la rapida ascesa al potere del partito nazista e di Adolf Hitler, che instaurò il III Reich. La II guerra mondiale vide la sconfitta della Germania contro le potenze alleate (Stati Uniti, Unione Sovietica, Gran Bretagna e Francia).

Nel 1949, nelle zone occupate dagli alleati occidentali, nacque la Repubblica Federale Tedesca con capitale Bonn. Nella zona di occupazione sovietica nacque la Repubblica Democratica Tedesca di dimensioni molto più ridotte. La città di Berlino rimase inglobata nel territorio della RDT e venne divisa in due settori: Berlino Est capitale della RDT e Berlino Ovest facente parte della RFT, separata dal famoso muro che venne smantellato nel 1989. Nel 1990 la Germania venne riunificata.

Economia

L’economia della Germania è, in base al valore del PIL, la prima nell’Unione europea e la terza nel mondo. Come in altri paesi sviluppati, il settore dei servizi è quello in cui si concentra la maggioranza (circa il 68%) dei lavoratori occupati. Altro settore trainante  è il turismo. L’industria manifatturiera tedesca, che assorbe il 30% dei lavoratori occupati, ha conservato un ruolo fondamentale, nonostante il forte calo della siderurgia nella regione della Ruhr. L’agricoltura, pur assorbendo solo il 2% dei lavoratori occupati, copre il 70% del fabbisogno alimentare tedesco. La Germania possiede una rete di comunicazioni ferroviarie, stradali e autostradali tra le più efficienti del mondo.

Principali Città

La maggiore città è Berlino, la capitale, con circa 3,5 milioni di abitanti nell’area metropolitana.

La seconda città per numero di abitanti è Amburgo (1,7 milioni). Sorge alla confluenza fra l’Alster e l’Elba e il suo porto, terzo in Europa, assorbe quasi la metà del traffico marittimo tedesco.

La terza è Monaco (1,2 milioni di ab.), capitale della Baviera, nota all’estero per le industrie della birra e per l’Oktoberfest. Qui hanno sede l’Ufficio tedesco e l’Ufficio europeo dei brevetti.

La quarta è Colonia (circa 1 milione di ab.), importante centro economico e culturale, nota soprattutto per la sua famosa cattedrale gotica del XIII secolo.

Nell’ex Germania est spiccano le città di Dresda sul fiume Elba e Lipsia. Le due città, completamente distrutte dai bombardamenti della Seconda guerra mondiale, furono ricostruite nel rispetto dello stile originario.

Comment Stream